Fasi transitorie dei livelli giovanili

 

Vista l’emergenza Covid-19, considerato il numero di tecnici interessati, il settore formazione della FIPAV proroga fino al 30 Giugno 2021 il passaggio obbligatorio di livello giovanile tramite la Fase Transitoria. 

CLICCA QUI

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per essere aggiornato sulle novità e le iniziative
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'iscrizione alla Newsletter del Comitato

Informativa resa ai sensi dell'art. 13 del Reg. UE n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali. Clicca per visualizzare.

Menu Campionati Nazionali

Ufficiali di gara

Photo

Video

Cerca nel sito

Scarica l'annuario 2019 FIPAV Lazio

Rassegna stampa della Pallavolo Laziale

News dalle Società

Argos Volley Sora, Costantini chiude il reparto degli schiacciatori
Quasi al completo il roster dell’Argos ...
Battuta di inizio stagione per il Civitavecchia Volley
Il Palazzetto di Tolfa torna ad ospitare ...
L'Acqua e Sapone Roma vince all'esordio: 3-1 contro Pinerolo
L'Acqua & Sapone Roma Volley Club vi ...

Menu Download

News Comitato

Spanakis miglior allenatore della Serie A2: "Una grande motivazione per continuare a migliorare"

La Lega Pallavolo ha assegnato i premi individuali per la stagione 2019/2020. Il riconoscimento come miglior allenatore della Serie A2 maschile è andato ad Alessandro Spanakis, romano classe 1978, attuale guida tecnica dell’Emma Villas Siena e reduce da due campionati ad altissimo livello con l’Olimpia Bergamo. Proprio in Lombardia, Spanakis ha conquistato la Coppa Italia di Serie A2, l’ultimo titolo assegnato prima dell’interruzione dei tornei, a marzo, a causa dell’emergenza sanitaria.

 

 

“Sono sincero, non mi aspettavo questo premio – ci ha raccontato Spanakis – il riconoscimento è individuale, ma obiettivamente va a celebrare i risultati della squadra nelle ultime due stagioni. Lo sto vivendo come un successo collettivo. È la ciliegina sulla torta della mia avventura a Bergamo, allevia un po’ l’amarezza di non esserci nemmeno riusciti a salutare dato che siamo finiti poco dopo in lockdown e la città è stata messa in ginocchio dalla pandemia. La dedica principale è alla mia famiglia, a mia moglie e ai bimbi, che sta facendo con me delle scelte di vita non sempre facile. E poi ai ragazzi e alla società di Bergamo che insieme a me hanno raggiunto questo traguardo. Senza i giocatori noi allenatori saremmo poca cosa”. In questa stagione la nuova Siena di Spanakis si presenta al via della Serie A2 con tante ambizioni: “Mi sto trovando bene – spiega il tecnico – la squadra è completamente diversa dall’anno passato e stiamo migliorando anche se non è semplice gestire questa situazione. Tamponi ogni settimana, falsi positivi, stop continui, difficoltà nello svolgere l’attività regolarmente… non è facile. Ci stiamo adattando”.

Sul suo percorso: “Sento che sto crescendo in modo abbastanza lineare e spero di continuare così. Capita quasi a tutti, anche ai migliori, di affrontare brutte stagioni e devo dire che fin qui sono stato abbastanza fortunato a vivere pochi di momenti negativi. Il premio mi dà delle motivazioni in più, però mi ricorda anche tutti i sacrifici che ho fatto e quanto è stato difficile arrivare dove sono oggi. Certo, fare tre finali consecutive di Coppa Italia (una vinta con Civita Castellana, ndr) non è facile. Come disse Fefè De Giorgi in un corso “bisogna godere, ma in modo molto cauto”. Questa frase mi ha sempre ispirato”. Con uno sguardo agli esordi, il 42enne individua nell’esperienza al Club Italia femminile come vice di Mencarelli la sliding door della sua carriera: “Giocavo palleggiatore, ma come tendenza ho sempre avuto un occhio analitico per le varie fasi di gioco. Così ho iniziato ad allenare e a giocare contemporaneamente, a Monterotondo, poi a Ostia e la svolta c’è stata con il Menca. Aveva bisogno di un assistente e ho colto questa opportunità, togliendomi incredibili soddisfazioni. Lì ho capito quanto mi piacesse stare in panchina, studiare, prepararmi e voglia di dare un contributo alla crescita dei ragazzi e delle ragazze che alleno”. Ai tanti allenatori della Pallavolo Laziale, Spanakis dà un consiglio: “Tenersi aggiornati il più possibile e mantenere abbastanza saldo lo spirito critico. Non fare copia e incolla di quello che si vede, ma ragionare e cercare di capire il perché vengono fatte alcune cose fino a creare un proprio metodo. Non c’è un percorso giusto in assoluto, meglio partire dalle proprie conoscenze”.

 

I PREMI DELLA LEGA PALLAVOLO

30° PREMIO ANDERLINI – Miglior Allenatore
SuperLega Credem Banca: Ferdinando De Giorgi – Cucine Lube Civitanova
Serie A2 Credem Banca: Alessandro Spanakis – Olimpia Bergamo
Serie A3 Credem Banca: Matteo Battocchio – Tipiesse Cisano Bergamasco

30° PREMIO BADIALI – Miglior Under 23 italiano
SuperLega Credem Banca: Daniele Lavia – Consar Ravenna
Serie A2 Credem Banca: Yuri Romanò – Emma Villas Aubay Siena
Serie A3 Credem Banca: Alessandro Michieletto – UniTrento

CLASSIFICHE DI RENDIMENTO INDIVIDUALI
MIGLIOR SERVIZIO: Osmany Juantorena – Cucine Lube Civitanova
MIGLIOR RICEZIONE: Santiago Danani La Fuente – Kioene Padova
MIGLIOR SCHIACCIATORE: Wilfredo Leon – Sir Safety Conad Perugia
MIGLIOR CENTRALE: Srecko Lisinac – Itas Trentino
MAGGIOR NUMERO DI ACE: Nimir Abdel-Aziz – Allianz Milano
MAGGIOR NUMERO DI MURI VINCENTI: Srecko Lisinac – Itas Trentino
MAGGIOR NUMERO DI ATTACCHI VINCENTI: Nimir Abdel-Aziz – Allianz Milano

PREMIO ANDREJ KUZNETSOV
Miglior realizzatore SuperLega Credem Banca: Nimir Abdel-Aziz – Allianz Milano
Miglior realizzatore Serie A2 Credem Banca: Igor Tiurin – Geovertical Geosat Lagonegro
Miglior realizzatore Serie A3 Credem Banca: Alejandro Rizo Gonzalez – Menghi Macerata

34° PREMIO ILARIO TONIOLO – Miglior Arbitro SuperLega
Ilaria Vagni
13° PREMIO CESARE MASSARO – Miglior Arbitro Serie A2/A3
Stefano Caretti







DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni